Vai a…

Zefiro online

opinioni da Ponente

RSS Feed

BOLOGNA E DINTORNI

Da luogo della “svolta” a “terra di nessuno”. Il triste destino della Bolognina

E intanto Merola rinvia, per l’ennesima volta, lo sgombero del centro sociale XM24 BOLOGNA – Era il 1989 quando alla Bolognina si dava inizio al percorso che avrebbe portato il PCI a trasformarsi in PDS. Nel quartiere rosso per eccellenza, dagli equilibri intoccabili e immutabili, gli esponenti della sinistra varavano il cambio di passo, la

Baby sitter ai migranti, e noi?

Ministero degli Interni e Regione Emilia-Romagna hanno stanziato fondi per pagare babysitter ai migranti che partecipano a corsi di italiano. Le cifre? 18,45 euro per ora di babysitterraggio compiuto in favore dei migranti e 45 euro all’ora per gli insegnanti di italiano che devono svolgere questi corsi riservati ai migranti, per un totale di più

TERREMOTO 2012: PROROGATO DI UN ANNO IL PAGAMENTO DEI MUTUI PER COMUNI E CITTADINI

Importanti misure a sostegno dei Comuni e dei Cittadini colpiti dal sisma 2012 e inseriti nel decreto “Milleproroghe” su istanza di Forza Italia. Liberate risorse per 10 milioni di euro.  Due importanti emendamenti, approvati nel decreto Milleproroghe del Governo, a sostegno dei Comuni e dei cittadini colpiti dal sisma del 2012, su istanza di Forza

Giorno del ricordo, un terzo dei Comuni bolognesi non l’ha celebrato

Una lettera al Prefetto per evidenziare che un terzo dei Comuni bolognesi, anche quest’anno, ha completamente ignorato il Giorno del Ricordo, istituito con la legge 30 marzo 2004, n. 92, mancando di realizzare “qualsiasi iniziativa volta a conservare la Memoria e la Storia di quei fatti”. A scriverla, il presidente del gruppo FI in Regione Galeazzo Bignami. “Come ha

Appennino, mancano i pediatri. Uniti per l’Alternativa: “Ancora una volta siamo penalizzati”

ALTO RENO TERME – “La selezione e il reclutamento degli specialisti in Pediatria è critica in tutta la Regione Emilia-Romagna. Situazione aggravata dal fatto che la zona carente disagiata non presenta caratteristiche attrattive tali da facilitare la decisione degli specialisti di operare nella zona”.Questa, in sintesi, la risposta che l’Azienda Usl di Bologna ha fornito

Sit-in di Forza Italia all’Hub di via Mattei. “Rispedite a casa i 100 di Cona”

BOLOGNA – Una “civile manifestazione di protesta per chiarire che non vogliamo essere complici di politiche scellerate” e per chiedere che i 100 migranti arrivati tra ieri e stamattina da Cona siano “rispediti a casa loro assieme a tutti gli altri”. Con queste parole d’ordine, Forza Italia, assieme all’associazione “centrodestra per Bologna”, organizza per sabato

Profughi, basta imporre l’accoglienza ai Comuni

Quindici comuni del bolognese e dell’imolese non hanno ancora accolto migranti. Due di questi, Galliera e San Giorgio di Piano sono ancora nel cratere. Eppure, le disposizioni sembrano quelle di imporre l’accoglienza a tutti, proprio a tutti. Anche alle piccole comunità. Anche a chi ha già subito una immigrazione massiccia. E le opposizioni in consiglio comunale

Clandestini, arroganti, violenti, delinquenti

fonte: Blog il Giornale di: Nino Spirlì Stufi! Siamo stufi, noi Italiani, di questa falsa e smielata fratellanza istituzionale nei confronti dei milioni di invasori senza dio, senza legge, senza rispetto, senza regole, senza punizioni esemplari. Clandestini invasori, occupano le nostre terre senza colpo ferire e ne diventano padroni spavaldi e arroganti col beneplacito della legge.

Contributi per l’affitto, il 52% dei beneficiari è di origine straniera. La segnalazione di Bignami

Nella graduatoria dei contributi integrativi per il pagamento del canone di locazione 2015 dell’Asp del Nuovo circondario imolese, “emergerebbe uno sbilanciamento a favore di cittadini di origine non italiana che rappresentano il 52% dei beneficiari dei contributi: su 898 domande, 463 provengono da richiedenti di origine straniera”, quando però “nel territorio rappresentano il 10% della

Esenzione Irap per nuove imprese: il progetto di legge di Forza Italia

Un progetto di legge che si rivolge “a tutte le iniziative produttive intraprese in Emilia-Romagna tra il 1 gennaio 2017 e il 31 dicembre 2017, si tratti di nuove imprese o di nuovi insediamenti produttivi, anche di un’impresa già esistente sul territorio” e che vuole introdurre “l’esenzione dal pagamento dell’imposta regionale sulle attività produttive (Irap)

Post più vecchi››